Il Deserto

Vota questo articolo
(2 Voti)

Il deserto assume nella S. Scrittura diversi significati:

* luogo della lontananza da Dio;

* luogo dell’incontro dell’uomo con Dio.

 

Il deserto non è solo un luogo topografico, ma indica tutto ciò che sa di silenzio, di ritiro, di preghiera e di contemplazione. Anche S. Francesco ha fatto l’esperienza del deserto quando volle ritirarsi in solitudine per fare esperienza eremitica. Ma anche quando comprese che il Signore lo chiamava ad un altro progetto, non sono mancati nella vita di S. Francesco momenti di solitudine. Questi momenti di “deserto” non erano il segno di una chiusura all’altro, quasi di una patologia, ma servivano per approfondire sempre più la comunione con Dio, mediante la preghiera. L’esperienza di comunione con Dio, così vissuta,  ha arricchito s. Francesco e lo ha preparato alla missione. Solo così egli ha potuto parlare di Dio e testimoniarlo con la vita. Comprendiamo allora perché l’Anonimo ha potuto scrivere nella biografia del Santo che tutti coloro che a lui ricorrevano per qualunque necessità, se ne ritornavano soddisfatti per le risposte ricevute, ma soprattutto perché avevano incontrato un vero uomo di Dio.

Il deserto, è quindi, il luogo dell’incontro con Dio. L’uomo di oggi ha tanti “deserti” dove incontra Dio. Dio viene incontrato nella Parola ma soprattutto nei sacramenti.       

Questi sono segni sacri, o meglio, SEGNI EFFICACI DELLA GRAZIA, perché istituiti da Gesù per la nostra salvezza. Essi realizzano e consolidano l’alleanza tra Dio e l’umanità.

La Chiesa conferisce i sacramenti attraverso i suoi MINISTRI, i quali operano in nome di Cristo: infatti nei sacramenti è CRISTO che agisce per mezzo dello Spirito Santo. In questo modo Gesù, attraverso la Chiesa, continua a essere presente in mezzo agli uomini.

I sacramenti sono costituiti da due elementi essenziali: il SEGNO che è l’elemento sensibile, e la PAROLA, cioè la parola di Gesù e le formule che accompagnano il segno esterno, rendendolo sacramento, perché ne precisano il significato soprannaturale.

 I sacramenti realizzano la SANTIFICAZIONE PERSONALE, poiché donano la grazia sacramentale; e configurano a Cristo. Pertanto esigono, da parte di chi vi si accosta, la testimonianza della propria fede. Per questo, perché non restino senza frutto, devono essere accolti con fede, sapendo ciò che si riceve e preparandosi degnamente. I sacramenti del Battesimo, della Confermazione e dell’Ordine possono essere ricevuti solo una volta, poiché donano una grazia particolare e permanente che imprime nell’anima un sigillo indelebile chiamato CARATTERE. 

Letto 1061 volte

Frasi di San Francesco da Paola

  • Per carità di Dio!...

  • Abbiate ferma fede. Abbiate grande fede in Gesù Cristo.

  • Vedete, fratelli, quanto il nostro buon Dio ama la pace; amatela, miei cari, anche voi, e conservatela ad ogni costo, detestando sempre gli odi e le discordie, perché siamo tutti figli del Dio della pace e della carità.

  • Ti accompagni sempre la grazia di Gesù Cristo benedetto che è il più grande e il più prezioso di tutti i doni. 

  • Lo Spirito Santo sia sempre infuso nella vostra anima.

  • La povertà di spirito è rinuncia alle preoccupazioni temporali e all’affanno di questa vita transitoria; è spianarsi il camino verso Dio; è astrazione della giustizia terrena, fedele osservanza della legge divina, fondamento di pace e di intemeratezza.

  • Amate Dio sopra ogni creatura, ed il prossimo; abbiate la mente rivolta a Cristo, che per la sua grande clemenza vi renderà buoni nella vita dell’anima.

  • La pace è una santa mercanzia che non si compra se non a prezzo assai caro. 

  • Amatevi a vicenda e fate tutto in carità.

  • Chi ben fa sempre prega.

  • La preghiera, la contemplazione delle cose celesti sono il vero e più naturale nutrimento della nostra anima, le sue sole delizie e la suprema felicità.

  • Tutto ciò che facciamo per amore di Dio è possibile e facile, perché Gesù Cristo benedetto sempre supplisce a ciò che manca alle nostre deboli forze. 

  • Il Nome di Gesù è dolcissimo; fa parlare i muti … Questo è il Nome al quale genuflettono Cielo, terra e inferno. 

  • Cercate di vivere nel bene, con ogni bontà e purità, nel santo timor di Dio. 

  • La devozione non sta nelle pezze ma nelle buone opere. 

  • Benedetto sia il Signore che si è degnato soccorrerci nella nostra necessità e usarci misericordia. 

  • L’orazione pura e assidua dei giusti è una grande forza, e, come fedele ambasciatore, compie il suo mandato penetrando là dove non può arrivare la carne.

  • L’eterno Dio Padre, il Figlio suo Gesù Cristo e la gloriosa sua Madre la Vergine Maria vi aiutino sempre e vi guidino alla salvezza dell’anima e del corpo, e vi facciano progredire di bene in meglio fino alla fine.

  • Ciò che nascondiamo al mondo non si può nascondere a Dio: convertitevi sinceramente.

  • Invano si comincia il bene se lo si lascia prima della morte; la corona vien data in premio solo ai perseveranti.

  • A chi ama Dio tutto è possibile.